mercoledì 14 agosto 2013

MONOGRAFIA: Enzo Ferrari e il fascino del "Cavallino Rampante" nel cinema




Chi lo avrebbe mai detto che una nota casa automobilistica italiana sarebbe diventata il simbolo del lusso e della velocità tale da stregare anche il mondo del cinema? Accade se si tratta della Ferrari, dal genio e sregolatezza di Enzo Ferrari.
Nato a Modena il 18 febbraio del 1898, Enzo Anselmo Ferrari ebbe il fuoco della corsa iniziando come pilota, ma divenne famoso nell'immaginario collettivo con la creazione dell'auto più lussuosa e rombante del panorama italiano che porta il suo nome.
Nata nel 1929 a Maranello, la Ferrari con quel rosso fiammante e lo stemma del "Cavallino Rampante" non poteva essere ignorata da Hollywood, che spesso sfoggia diversi modelli in film e telefilm, diventando il simbolo dell'opulenza e della voglia di sfrecciare come un fulmine sulle strade.
Ferrari 328 GTS
Gli anni Ottanta, epoca edonistica per eccellenza dopo il decennio hippy, rese la Ferrari protagonista con il modello Ferrari 328 GTS sfoggiata per l'occasione dal detective Axel Foley (Eddie Murphy) in Beverly Hills Cop II (1986).
Ferrari 348
Anche il cinema italiano non disdegna la Ferrari: in Vacanze di Natale 1990 81990) di Carlo Vanzina, la Ferrari 348, sportiva e rombante diventa protagonista di un sorpasso comico tra Boldi e De Sica in una Saint Moritz,
sfondo opulento e (poco) glamour per i nuovi arricchiti
Ferrari 575 Maranello
Se negli anni Ottanta vi era l'ostentazione, negli anni 2000 la Ferrari diventa il modello dell'uomo di successo che ama la velocità coniugata con classe ed eleganza: In The Family Man (2000) il business man Jack Campbell (Nicolas Cage) guida una Ferrari 575 Maranello grigia versione coupé della vettura da corsa 575 GTC dalla carreggiata più ampia.
Ferrari 250 GTO
Infatti la Ferrari non è solo rossa, anche nera ha un suo fascino elegante. Come il modello Ferrari 250 GTO (che sta per Gran turismo) guidata da David Aames in Vanilla Sky (2002) di Cameron Crowe, modello vintage (è degli anni Sessanta), che sfreccia per le strade di Manhattan tra sogno e realtà del protagonista
interpretato da Tom Cruise. Il modello è da strada (fu creata anche quella da corsa) ed è la più conosciuta dagli estimatori.
Ferrari GT California Spider
La Charlie's Angels Nathalie (Cameron Diaz) in Charlie's Angels: più che mai, ama correre e  ha un debole per il Cavallino Rampante: il modello Ferrari GT California Spider utilizzata nel telefilm, ritorna nella versione cinematografica diretta da McG. Questo è il modello più vecchio mai utlizzato in un film, infatti risale al 1957. Auto sportiva a due posti, modellata sulla cabriolet con tettuccio ripiegabile, fu un modello studiato appositamente per il mercato americano, che cominciava  a interessarsi al Cavallino italiano.
Ferrari Enzo
Se gli angeli di Charlie amano correre, anche le cattive amano la Ferrari: come la perfida Madison (Demi Moore), che sempre nello stesso film sfoggia un modello meno vintage, una Ferrari Enzo rossa, un'autovettura coupé progettata per i 55 anni della
Ferrari, la più amata e ricercata dagli ammiratori del marchio made in Italy, che è stata prodotta solo 399 esemplari. Non solo una semplice auto, ma un pezzo da collezione, destinato solo a pochi.
Ferrari 430
Super sportiva per super detective è la Ferrari F430 guidata da Sonny Crockett (Colin Farrell) nel remake cinematografico del serial Miami Vice del 2006 (che preferiva utilizzare la Ferrari 365 GTS/4 Daytona Spider).
In versione grigia e con gli interni in pelle scura, la Ferrari F430 è una berlinetta "più economica di tutte", che la rende più versatile e meno onerosa.
Ferrari 360 Modena
Una Ferrari 360 Modena è l'auto dell'attore Johnny Marco (Stephen Dorff) in Somewhere (2010) è un modello sportivo, perfetta per le lunghe corse per le immense strade di L.A.
La caratteristica di questa Ferrari consiste nell'avere il motore in
posizione posteriore e non anteriore, per di più ben visibile dal lunotto posteriore.
Vintage, coupé, sportiva o berlina, la Ferrari è entrata nel cuore degli americani, che, in un certo modo, l'ha celebrata utilizzandola in varie pellicole, mostrandola in tutta la sua prorompente bellezza.
Rush
A 25 anni dalla scomparsa di Enzo Ferrari, il mito del Cavallino Rampante continua a essere vivo più che mai, e presto tornerà al cinema in versione Formula 1, con la pellicola Rush (2013) di Ron Howard, che narra delle imprese e della rivalità tra Niki Lauda, (Daniel Brhul) pilota della scuderia Ferrari, e James Hunt (Chris Hensworth), pilota della McLaren.
Il suo design moderno e lussuoso, la sua potenza, il prestigio internazionale: il nome di Enzo Ferrari è entrato nella storia.

"Sono i sogni a far vivere l'uomo. Il destino è in buona parte nelle nostre mani, sempre che sappiamo chiaramente quel che vogliamo e siamo decisi ad ottenerlo".
Enzo Ferrari (18/02/1898-14/08/1988)


2 commenti:

  1. Enzo Ferrari il Drake di Maranello...

    Rag. Daniele Calabrese

    RispondiElimina