martedì 12 agosto 2014

GOODBYE: Addio a Robin Williams



L'attore Robin Williams è stato trovato morto nella sua casa di Tiburon, in California alle ore 21.00 italiane. La polizia sospetta che si tratti di suicidio. Da tempo l'attore soffriva di una grave forma di depressione e recentemente era ricoverato in una clinica per non cadere nuovamente nel baratro di alcol e droghe, demoni del suo passato.
Williams esordì nel 1978 nella sit come Mork e Mindy, nei panni del marziano Mork, che entra a contatto con il mondo umano grazie alla simpatica Mindy, avviando una strampalata convivenza. 
Mork e Mindt fu un successo clamoroso che gli aprì le porte di Hollywood: Popeye (1980) di Robert Altman, Il mondo secondo Garp (1982), Mosca a New York (1984). 
Ma la svolta avvenne con Good Morning Vietnam (1987) di Barry Levinson, che lo consacrò come re della commedia, ricevendo la sua prima nomination agli Oscar per il ruolo di un militare in Vietnam che diventa deejay per la radio dell'esercito. 
La versatilità di Williams fu tale da eccellere anche come attore drammatico, ricevendo la seconda nomination per il ruolo del professor Keating in L'attimo fuggente (1989), dove il suo spirito iconoclasta si sposa alla perfezione con questo professore  fuori dagli schemi che combatte le rigide regole di un liceo conservatore.
Nel 1990 fu accanto a Robert De Niro in Risvegli, e soprattutto fu un grande "lucido pazzo" ne La leggenda del re pescatore di Terry Gilliam, nelle vesti di un professore di storia medievale in preda a un esaurimento nervoso alla ricerca del sacro Graal
Nel 1992 Spielberg lo volle per il ruolo di Peter Pan cresciuto e divenuto adulto, ma che riscopre il fanciullino che c'è in lui facendo ritorno all'Isola che non c'è in Hook, a fianco di Dustin Hoffman nel ruolo di capitan Uncino. ù
In Toys di Barry Levinson, è il bizzarro Leslie Zevo, creatore di giocattoli che ingaggia una "guerra" contro lo zio che ha trasformato la fabbrica di giocattoli del padre in un laboratorio per piccoli guerrafondai in erba.
One man show in Mrs Doubtfire (1993) nei panni en travesti di una nanny che cerca di stare insieme ai suoi figli, film che conferma la capacità di Williams di scegliere sempre ruoli eccentrici o fuori dagli schemi.
Era anche un ottimo attore drammatico: lo dimostra la vittora del suo primo e unico Oscar per Will Hunting-genio ribelle (1997) nei panni drammatici di uno psicanalista che segue il genio ribelle del titolo, ovvero Will Hunting, diventando il suo mentore e guida.
Robin Williams aveva la capacità di passare da ruoli brillanti come Fubber-Un professore tra le nuvole a ruoli drammatici e noir come One Hour Photos (2002) di Mark Romanek dove interpreta il commesso di un grande magazzino ossessionato da una famiglia che appare perfetta nelle foto che sviluppa, arrivando a perdere il lavoro e a meditare vendetta quando scopre che la famiglia da lui tanto adorata ha delle "pecche" all'interno.
In Insomnia (2002) di Christopher Nolan è uno scrittore dalla dubbia moralità accusato di omicidio, mentre nello spassoso Eliminate Smoochy (2002) di Danny De Vito è uno spettacolare presentatore televisivo di uno show per bambini che viene licenziato perché prende le bustarelle dai genitori per far inquadrare i loro bambini, e medita vendetta contro Smoochy, pupazzo interpretato da un angelico Edward Norton che gli ruba la scena e la ex fidanzata.
Nel 2006 è al fianco di Ben Stiller in Una notte al museo, dove veste i panni di Teddy Roosvelt. Panni che vestirà nuovamente nel 2009 in Una notte al museo 2, mentre il terzo capitolo arriverà postumo nel 2014.
Gli anni 2000 lo videro meno alla ribalta, ma riuscì ugualmente a recitare in film di discreto successo come The Butler (2013) e The Big Wedding (2013).
Un pezzo di commedia americana se n'è andato per sempre.

4 commenti:

  1. Un vero peccato.
    So long, Capitano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Evening standard gli ha dedicato la prima pagina. Non aveva capito quanto fosse amato nella vita... Peccato veramente...

      Elimina
  2. questo è un giorno di una tristezza infinita, addio capitano Williams, ci mancherai :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che tragedia. Non si capisce il perché. Era un attore eccezionale. L'avevo visto in The Butler, ed ero contenta di rivederlo sul grande schermo! ;(

      Elimina