martedì 10 novembre 2015

MOVIE ON THE ROAD: Il parco di Blow-Up



Un fotografo annoiato e stanco della frenetica vita della Swinging London (David Hemmings) girovaga in un parco per scattare delle foto per un progetto fotografico più ambizioso. 
La sua attenzione si sposta dal paesaggio a una donna affascinante e misteriosa (Vanessa Redgrave) che sta scambiando delle effusioni con il suo amante in clandestinità. 
Una volta tornato a casa, sviluppa le foto e scopre il cadavere dell'uomo che era in compagnia della misteriosa donna.
In poche righe questo è l'incipit di Blow-Up, il film londinese di Michelangelo Antonioni, girato per le vie di Londra. La scena dell'omicidio è girato a Maryon Park, uno degli innumerevoli parchi di Londra, che si trova a Est, situato nel distretto di Greenwich.
Il parco si trova a Woolwich Road, SE7 ed è il luogo dove Michelangelo Antonioni ha girato la scena cult del misterioso omicidio, e il finale, con i mimi che 'giocano' a tennis, campo tutt'ora in attività. Infatti il parco negli anni non ha avuto grandi cambiamenti, a parte l'introduzione di animali che fanno parte della Local Natural Reserve di Londra.
Maryon Park in origine faceva era una parte della proprietà di aristocratici proprietari terrieri, la famiglia Maryon Wilson,
In origine il parco aveva un'area (una parte è ancora oggi preservata nel parco) che si chiamava Hanging Wood (il bosco dell'impiccagione), dove i banditi si nascondevano per derubare i viandanti che passavano in quella zona. Il nome deriva dall'esecuzioni tramite impiccagione dei ladri catturati dalle autorità, che impiccavano i ladri in un albero del bosco divenuto scena del crimine.
Oggi una parte di Hanging Wood è presente a Maryon Park, dove rimane un alone di mistero. Il luogo perfetto per l'omicio (presunto?) orchestrato dal maestro Antonioni.

Nessun commento:

Posta un commento