venerdì 29 gennaio 2021

NICOLAS CAGE DAY: Face/Off

L'anno scorso non abbiamo celebrato il nostro Nicola Gabbia - beniamino nazionale - e il fato ci ha fulminato con un anno demmerda. Quest'anno si recupera e dopo la dovuta celebrazione, arrivera' sicuramente la luce alla fine del tunnel. Per festeggiare come si deve Director's cult, moi,  se ne esce con Face/Off.


                                                    

Premessa: una persona, due facce. Un blog, due recensioni. Una cazzara e una seria. Potete leggerne una a scelta o tutte e due. Ma solo se avete un lato masochista da soddisfare. Enjoy!




Titolo: Face/Off
id., USA 1997
Cast: Nicolas Cage, John, Travolta, Joan Allen.
Sceneggiatura: Mike Werb, Michael Colleary
Regia: John Woo
Durata: 136'


Intro musicato:

Castor Troy (Nicolas Cage) e' un folle che vuol fare saltare le cose. Epica battaglia con il suo nemico giurato Sean Archer (John Travolta), che riesce a fermare il pazzo Castor, ma non riesce a impedire l'ubicazione di una bomba che incenerira' Los Angeles a breve.

ADALGISA, TACA LA MUSICA!

Castor Troy: Lalalalalala, son Castor Troy, son Castor Troy e la citta' esploderaaaaaa;
Ah bravo Castor! 
Bravo bravissimo!
Vestito da prete, occhi da fatto, sono il Castor, tanto figlio di Troy, che la citta' la detonera'
Fortunatissimo, col fratello genio ma scemo, una polveriera L.A. diventera'! 

Sean Archer: Pronto a far tutto, la notte e giorno, 
uccidesti mio figlio, lasciasti la bua, figlio di un Troy!
Sempre d'intorno, sette anni orsono, mai una gioia, palo nel culo e caccia sara'.
Miglior cuccagna per un agente, quello di prender Troy ben presto accadra'

Castor Troy: tutti mi chiedono, tutti mi vogliono morto o in galera, 
ma me ne fotto e continuo a far bordello di qua e di la'
Ah che bel vivere, ah che bel piacere, alzo la gonnella alla pulzella, 
che bel piacere, che bel piacere!

La la la la la la la 

Sean Archer: a me fortuna a me fortuna, colombe in cielo Sean Archer becca Castor, ma della bomba, nulla si sa! 

Fine intro.

ADALGISA, SMORSA LA MUSICA!

L'agente Sean - Mai una gioia - Archer e' ossessionato da Castor Troy, folle criminale che gli uccise il figlioletto per sbaglio mentre sorseggiava un Billy al lunapark con un fucile ad alta precisione. C'e' chi porta a passeggio i cani, chi si porta dietro una machine gun. Fa cilecca e Sean Archer rimane solo ferito con tanto di bibi al petto. Ma da li; diventa una piaga nel culo per colleghi e famiglia. La moglie (Joan Allen) e' gelida come un frididaire, mentre la figlia (Dominique Swain) ha fatto a botte a scuola perche' ha seguito un tutorial di Clio Makeup e le hanno dato della ciompa. E giu' botte. 
Mai una Gioia Archer  anche se ha finalmente accoppato il suo acerrimo nemico dopo una epica battaglia in elicottero, non e' contento perche' non sa dove si trova la bomba e  Pollux (Alessandro Nivola) il fratello genio ma scemo di Castor non vuole parlare.
In ufficio tutti si congratulano con lui per la epica impresa, ma Mai Una Gioia Archer cazzia i colleghi perche' non si festeggia. Pensate ai colleghi che non ci sono piu'! Pensate alla bomba da qualche parte. E al gatto del vicino? L'ha fatta molle stamattina. MOLLE! E voi pensate a festeggiare! Stronzi che avete sempre una gioia! 
Sean Mai Una Gioia prova a far parlare il fratello genio ma scemo di Castor, che intanto e' segregato in un ospedale top secret in coma. Non riesce a farlo parlare, allora i suoi colleghi gli propongono una ideona: far finta di essere Castor, prendendogli la faccia.
Stacca la faccia, la incolli con lo sputo, vai in galera dove ti mettono gli scarponi da sci di metallo, cammini come Robocop, fai cantare il fratellino, ti togli la sua faccia e tutti felici e contenti. Ah, spetta, figurati se tu sarai contento, se ti chiami Mai Una Gioia di secondo nome, un motivo ci sara', no?
Ma si', poco importa se l'altezza e' diversa, ci sono le maniglie dell'ammore, c'e' un po' di stempiatina qua e la', tanto non se ne accorge nessuno!
Sean Mai Una Gioia accetta e va in missione.
Peccato pero' che Castor tanto morto non e', si sveglia senza faccia, si incazza, prende il dottore, si fa incollare la faccia di Sean e poi stermina tutti. 
E cosi' Sean diventa Castor il Moscio, e Castor diventa Sean il Fico Pazzesco.
Castor Il Moscio in galera se la passa maluccio. Sean Fico Pazzesco gli paga una visita e gli svela che gli ha fatto un grande inculassao e marcira' in galera, mentre lui andra' a fare danni legalmente, impunito e con pacche sulle spalle da tutti. Un po' come un famoso ex ministro degli interni di un famoso paese dalla buffa forma a stivale.
E Sean Fico Pazzesco scova la bomba, perche DUH, l'ha messa lui la bomba e ora si festeggia. E il gatto si e' pure ripreso. Hurrah! 
Sean e' diventato un fico cosi' pazzesco che ringalluzisce il rapporto con la moglie - dopo aver letto il suo diario con su scritto che noia che barba/che barba che noia - e con la figlia facendogli fare quel cazzo che le pare. Il tutto in un giorno. E gia' che c'e' fa anche fuori il suo capo. Ca va sans dire. 
Castor invece e' talmente moscio continua ad ammosciarsi sempreidi piu' e sopratutto a prenderle, tanto da insospettire Pollux. Scemo e' sempre scemo, ma non gliela si fa'. Ma surprise surprise, riesce a uscire di galera manco fosse Clint Eastwood in Fuga da Alcatraz.
Nella sua fuga si imbatte nella ex compagna di Castor (Gina Gershon) che, surprise surprise, tiene una criatura che e' figlio suo.
La moglie di Sean pero' si insospettisce che il marito sia diventato un fico pazzesco, non puo' essere che si sia svegliato con la ficaggine dentro. Infatti Castor/Sean riesce a vederla e gli fa lo spiegone. Cosi' fa le analisi e scopre che il gruppo sanguigno e' diverso. Oddio, sta a vedere che ho trombato Castor Troy! Oddio, sta a vedere che Castor Troy e' un fico da paura, forse e' meglio tenerselo come marito con la faccia di Sean!
E invece no, Sean fico pazzesco/Castor e Castor/Sean mai una gioia arrivano al duello finale, Castor/Troy scia a piedi nudi sulle acque come un Ralph Samuelson provetto, e si porta adotta pure il bambino di Castor per crescerlo senza mai una gioia. 
Sean/Castor si riprende la sua faccia. 
- Dottore, non mi metta la cicatrice. 
- Le maniglie dell'amore?
- Non risparmi nemmeno un centimetro di grasso
- Non c'e' problema.

Recensione seria:

 A distanza di 23 anni, Face/Off rasenta il trash sublime. Tralasciando l'assurdo plot dello scambio di facce (ma inutile farsi domande su come due persone dal diverso gruppo sanguigno non schiattino durante un trapianto),  tralasciando il fatto che un trapianto di faccia sia stato fatto con un puro e semplice copy and paste, John Woo, ci regala un action movie trash, ma sublime nel suo essere cosi' fieramente trash da essere una figata pazzesca. 
Prodotto action degli anni Novanta, decennio che ci ha regalato tanti giocattoloni pieni di esplosioni (vedere alla voce Renny Harlin), Face/Off rimane ancora un film spettacolare grazie alla sapiente mano del regista di Hong Kong - che ha mangiato pane e Sam Peckimpah probabilmente fin da ragazzino - omaggiando il maestro americano con i suoi rallenty e l'ormai iconico volo di colombe che si librano in cielo, sinonimo di guai in arrivo. 
E Woo non te le manda a dire, e anzi, spara tutte le sue cartucce con un memorabile 'intro' che introduce un Nic Cage/Castor piu' scatenato che mai con un inseguimento mozzafiato fatto in elicottero (e qua c'e' da scommettere la manina di Travolta che gli elicotteri li sa pilotare veramente), arrivando pure a momenti di pura profanazione con un Castor vestito da prete che si intrufola in un coro e tra un po' nelle grazie della bella corista.
La storia e' assurda. 'cheesy as fuck' da risultare a tratti ridicola. Eppure la genialita' del film sta nel creare non un super cattivo, ma ben due in uno!
Ed e' questa la forza di Face/Off: Castor Troy miglior cattivo del Ventesimo secolo, forse solo dietro al mitico Hans Gruber di Die Hard.
Woo gioca con tutti gli stereotipi del mondo e crea il perfetto villain: fuori di testa, brutta m#rda solo per il gusto di esserlo, sociopatico, psicopatico, sessista, pazzo e chi ne ha piu' ne metta.
La sua controparte, Sean Archer e' anche lui un bel frullato di stereotipi, con la sua etica e morale, il suo operato, cosi' ligio al dovere, con l'aggiunta di una sorprendente emotivita' che urta anche le persone piu' empatiche del mondo. 
Castor e Sean sono il giorno e la notte, lo ying e lo yang, il bianco e il nero. Cosi' diversi, eppure uno il pezzo mancante dell'altro. 
Perche' se Castor Troy si diverte a fare del male per il solo gusto di farlo, e' anche capace di gesti di tenerezza come l'allacciare le scarpe al fratello.
E Sean Archer  per quanto sia il super hero della situazione, non e' da meno 'torturando' la sua famiglia con sensi di colpa e neglettitudine. 
E il 'colpo di genio' sta proprio nell'assurda operazione di scambio di facce (cosi' assurda da ringraziare un giorno si' e l'altro pure la magia sacra del cinema), che conferisce il dualismo buono/cattivo insito in ogni essere umano.
Ed ecco Sean/Castor che rifiuta la parte cattiva, ma che comunque e' in grado di appropriarsi di questo lato oscuro per infrangere le regole che lui stesso difendeva per evadere dalla prigione.
Ed ecco Castor/Troy che umanizza (anzi, lo fa diventare un fico pazzesco - perche' diciamolo senza mezzi fronzoli, Sean Archer e' simpatico quanto un dito chiuso in una porta) mettendo paradossalmente una pezza alle beghe familiari del nostro eroe, quando in realta' voleva solo farsi la moglie del nemico e probabilmente anche sua figlia. 
Dobbiamo ringraziare Mr. Woo per aver dato non una, ma ben due volte la possibilita' a John Travolta ad essere un gran figlio di puttana sul grande schermo (si', okay, Quentin Tarantino ci era arrivato prima con Pulp Fiction, ma Vincent Vega ha un'aura cazzona e cool. Qui e' proprio stronzo), facendoci regalo con un altro cattivoneoneone con Broken Arrow.
Menzione speciale per Gina Gershon che non solo e' una grande figa, ma e' cool e ironica al punto giusto, in piena contrapposizione alla super controllata Joan Allen ricci perfetti senza capricci.
E nel mezzo, tante esaltanti esplosioni, sparatorie, combattimenti con un epico sci nautico improvvisato del nostro festeggiato Nicolas Cage. E' come avere in Natale in anticipo con  Santa che ti porta il regalo piu' bello dell'anno. 
Del buon Nic si puo' dire peste e corna, ma la sua performance come Castor Troy e' da antologia, dando libero sfogo a occhi strabuzzati, fare da psicopatico e una voce melliflua e affascinante come non mai. Stupido sexy Cage! (cit.)
Si vede proprio che si diverte, e noi ci divertiamo con lui.
Detto cio', Face/Off e' un bel giocattolone action che intrattiene per tutta la durata del film anche a distanza di 20 e passa anni. Dici niente.

Voto: 7/8

Hanno Festeggiato il Nicolas Cage Day:










8 commenti:

  1. Ho rischiato di trovarmelo ne #LaPromessa2021 stilata dal giovine che vuole rivederlo da tantissimo, per fortuna al momento della stesura se n'è dimenticato :)

    Visto ai tempi a noleggio in VHS con tutta la famiglia ricordo quanto mi sembrava assurda l'operazione, ma immagino quanto tutto (e tutti) siano ora invecchiati male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realta' e' ancora spassoso e ha quel tocco sublime di trash che non guasta mai. Fai felice il giovine e passa una serata senza fronzoli, divertimento assicurato!

      Elimina
  2. John Woo si sarà ispirato all'incorreggibile Lupin, o era Cage con la faccia di Lupin? :D

    RispondiElimina
  3. Furbetta, hai rispolverato il day e ti sei presa l'unico film decente che ha fatto... bella forza!! :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh, non l'hai voluto fare tu, cosi' me lo sono cuccato io XD
      In realta' volevo fare Gosth Rider, ma volevo fare la recensione piu' cretina del mondo e questo film era perfetto! :-p

      Elimina
  4. Recensione perfetta, peccato per l'uso della parola trash che non vuol dire niente, ma ormai è una mia crociata contro i mulini a vento. "Face/Off" é una bomba, John Woo al meglio della sua fase americana, non solo trova il modo di trascinare Travolta fuori dai suoi ruoli canonici, ma viene supportato da Nicolas Cage a piena potenza. Le trovare sono esagerate perché la premessa lo è, ma siamo nell'empireo, dove merita di stare Nicola con la sua coppia di automatiche color oro, il più tamarro degli (anti)eroi di Woo ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cazzarola non mi ha salvato la risposta, tacci di un blog! Trash, ma sublime, il che lo eleva a qualcosa di unico e fuori dai canoni, eh eh
      Ed e' una bomba si', con Nicola Gabbia super scatenato!

      Elimina